Cerca nel blog

mercoledì 9 aprile 2014

attenzione ai decongestionanti nasali

Raffreddori, allergie, semplice ostruzione nasale, gli spray decongestionanti ci vengono in aiuto e ci liberano da quella orribile sensazione di naso chiuso.

E' vero , sono un toccasana: nell'arco di un minuto ci liberano il naso e a volte ci dimentichiamo per un po' di avere il raffreddore.

Ma attenzione!

I principi attivi decongestionanti non sono curativi, sono dei sintomatici che ci permettono di respirare un po' mentre ci curiamo a livello sistemico.
Purtroppo molte persone pensano di fare buona cosa, utilizzando solo lo spray perché pensano di intossicarsi meno di farmaci. Lo spray ti fa stare bene per qualche ora...e poi, beh diamo un'altra spruzzata.

Prendere una pastiglia per il raffreddore per quattro o cinque giorni, o un antistaminico in caso di allergia, non fa male, anzi ti fa guarire.
Spruzzare solo lo spray ti induce a farlo sempre anche per periodi prolungati.

Perché?

Il decongestionante (ossimetazolina per esempio) ti libera le narici per qualche ora, ma induce dopo qualche giorno ad un uso sempre maggiore ( come una droga!)
Un uso eccessivo dei decongestionanti locali porta ipertrofia dei turbinati e diventa un cane che si morde la coda. Più spruzzi e più il tuo naso all'interno si gonfia.

Sempre più sono le persone, che in seguito a visite dall'otorino scoprono di avere un'ipertrofia da VICKS SINEX o da RINAZINA.
La "disintossicazione" è lunga e faticosa.
Lunghi periodi con cortisonici alla sera e acqua di mare di giorno ( non così soddisfacenti come il nostro caro vecchio spray) ci porteranno, se siamo fortunati al ripristino delle condizioni fisiologiche del nostro naso.
I più sfortunati finiscono col dover fare un intervento.


Quindi attenzione!

Spray nasali si...ma con molta moderazione.

1 commento:

  1. Io ho dvuto fare l'intervento per asportare i turbinati.

    RispondiElimina